LE ATROCITÀ DELL’ISIS NON SI DIMENTICANO

Il 3 agosto si è commemorato un anno dal massacro di Sinjar, il Kurdistan non vuole dimenticare.

Qui in Kurdistan è passato un anno dall’arrivo dei Daesh (ISIS), quando conquistarono Sinjar e distrussero la vita di tante famiglie, soprattutto yazide, uccisero tutti gli uomini che fecero prigionieri e rapirono le donne e bambini. Un anno in cui si sono formati 20 grandi campi per IDP (Internally Displaced Person) e rifugiati dalla Siria, in cui si è dovuto far fronte alla situazione fisica e psicologica delle donne e ragazze che, dopo aver subito violenze disumane, sono riuscite a fuggire dalla loro schiavitù imposta dagli uomini dell’ISIS e, nel contempo, i peshmerga hanno cercato di riconquistare i territori occupati e hanno difeso i loro confini. 

La memoria – Nessuno dimentica il 3 agosto 2014 in Kurdistan, specialmente nell’area di Duhok, così vicina a Sinjar. (…)

PER LEGGERE L’ARTICOLO INTERO: http://it.blastingnews.com/politica/2015/08/le-atrocita-dell-isis-non-si-dimenticano-00501867.html

Il presidente del Kurdistan Barzani
Il presidente del Kurdistan Barzani
Peshmerga
Peshmerga

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...