Otto Dix: IL FIAMMIFERAIO, 1921

Il Fiammiferaio, 1921

Nel 1921 Otto Dix dipinse “Il Fiammiferaio”. La Grande Guerra era finita solo da tre anni e i veterani erano riconoscibili perché spesso i loro corpi erano stati deturpati durante le battaglie. Il fiammiferaio è uno di loro, ha perso tutti e quattro gli arti e la vista, e giace per terra su un marciapiedi vendendo fiammiferi; dalla sua bocca, infatti, escono le parole “Fiammiferi, originali fiammiferi svedesi!”. La gente, che sembra camminare frettolosamente in quanto piegata in avanti, è totalmente indifferente alle sue parole e alle sue condizioni, tutti si allontanano dandogli le spalle; solo un bassotto gli presta attenzione, ma non lo riconosce come un essere umano e alza la gamba per urinargli addosso.
E’ una visiona impietosa delle terribili condizioni in cui vivevano i veterani, uno dei tanti quadri di denuncia sociale che Dix dipinge in questo periodo. Lo spazio nella composizione è deformato (in particolare la cassetta di legno con i fiammiferi), la testa del fiammiferaio è piegata in modo poco naturale, la visione della scena avviene dall’alto: tutto contribuisce a dare un senso di instabilità ed inquietudine.


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...