Citazioni da Camille Claudel

C’è sempre qualcosa d’assente che mi tormenta.

Egli (Rodin) non aveva che un’idea, che lui morto, io spiccassi il volo come artista e diventassi più di lui; occorreva che egli riuscisse a tenermi nelle sue sgrinfie dopo la sua morte come durante la vita. Occorreva che io fossi infelice lui morto come lui vivo. E’ riuscito in tutti i punti perchè per essere infelice io lo sono!

Mi secca molto questa schiavitù. Vorrei proprio essere a casa mia e chiudere la mia porta. Non so se potrò realizzare questo sogno, essere a casa mia!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...