George Grosz: I PILASTRI DELLA SOCIETÁ, 1926

George Grosz, I pilastri della societa’

Nei Pilastri della societá (1926) George Grosz evidenzia tutta la sua vena satirica cogliendo, con un’analisi spietata, le figure che meglio rappresentano il potere nella societá: due politici borghesi, un giornalista, un prete e dei soldati. In ogni personaggio Grosz enfatizza le fattezze, trasformando cosí i loro volti in ghigni mostruosi che sembrano provenire da un incubo.
Il militante in primo piano, con un boccale di birra in mano e il simbolo della svastica sulla cravatta, agguanta una spada e le sue idee bellicose fuoriescono dalla scatola cranica concretizzandosi in un cavaliere armato; il politico alle sue spalle, il cui aspetto grasso e flaccido tradisce il suo egoismo, ha un cumulo di escrementi al posto del cervello; il giornalista, che scrive ancora con una penna con la piuma ad indicare il suo conservatorismo, ha un vaso da notte al posto del cappello; il prete, con naso e orecchie rosse da ubriacone, sembra felice della situazione che sta vivendo; infine i soldati sullo sfondo portano morte e distruzione con caparbio rigore. L’artista opera, in ogni figura, una sintesi formale, ma mantiene in modo molto preciso alcuni dettagli che sono funzionali a livello comunicativo.
Grosz usa l’arma della pittura per criticare la situazione politico sociale della Germania nazista, una pittura brutale quanto i tempi che stava vivendo.

One Reply to “George Grosz: I PILASTRI DELLA SOCIETÁ, 1926”

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...